lunedì 8 agosto 2016

Vi parlai di questa collana di Kogoi Edizioni già qui, quando acquistai il mio primo volumetto, ovviamente dedicato alla mia amata Emma Bovary e poi qui, in una puntata di "Tre libri in poche parole" dopo averlo letto.

Questi libricini in poche pagine analizzano quei classici che un po' tutti abbiamo letto, o pensiamo di aver letto, o diciamo di aver letto anche quando non è vero, grazie alle parole e all'approfondimento di scrittori-lettori che questi classici li hanno amati e ce li ripropongono ora sotto una luce nuova.

Ultimamente sono entrati a far parte della mia collezione altri due volumi, quello dedicato a "Artemisia" di Anna Banti e quello su "Tre uomini in barca (per tacer del cane)" di Jerome K. Jerome.

Maria Rosaria Ambrogio analizza "Artemisia" di Anna Banti che, ammetto, mi era assolutamente sconosciuto. Mi sono sentita però in buona compagnia, perché già nelle prime pagine del libro l'autrice ci racconta: "Artemisia, Anna Banti: l'abbinamento in un elenco di autori e opere per un corso di "Letteratura italiana moderna e contemporanea". Obbligatorio scegliere tre titoli da quell'elenco. Forse "Anna Banti" era l'unico scrittore donna nell'elenco. Sicuramente, in quell'elenco, "Anna Banti" era un nome che non conoscevo. Che non avevo mai sentito".

Chi sono Anna Banti e la sua Artemisia ce lo spiegherà con dovizia di particolari Maria Rosaria Ambrogio, che da quell'incontro casuale è rimasta folgorata.
Chissà che non succeda anche a me e a chi tra voi ancora non conosce Anna Banti :)





Sì, anche in Germania andiamo al mare ^_^
"Tre uomini in barca (per tacer del cane)" è il romanzo sicuramente più conosciuto di Jerome K. Jerome, che io colpevolmente non ho ancora letto, ma del quale possiedo un'edizione di cui sono orgogliosissima (la potete vedere qua).

Vanda Finocchi lo ama a tal punto che leggerlo la fa stare bene: "Lasciarsi andare, sorridere delle povere umane cose, ridere della ridicola quotidianità ridimensiona le inevitabili brutture dell'esistenza; insomma, fa bene".

In questo piccolo libro l'autrice sviscera a dovere l'opera di Jerome K. Jerome, ci fa capire perché anche noi potremmo amarla quanto lei, ci instilla quella curiosità utile a farci avvicinare o, perché no, riavvicinare al libro.







Oltre a questi tre volumetti completano la collana quelli dedicati a "Lessico Famigliare", "Moby Dick" ed Elsa Morante, che ancora non ho, ma sono curiosissima di leggere.

Spero di avervi messo un po' di curiosità, sapete che amo i classici e tutto ciò che in qualche modo li promuove o fa sì che le persone possano essere meno restie ad avvicinarvisi mi rende particolarmente contenta.


Leave a Reply

Subscribe to Posts | Subscribe to Comments

Peek a booK!. Powered by Blogger.

Join my new 2017 "Women Challenge"! :)

Cerca nel blog

In lettura

Follow by Email

Lettori fissi

Scrivimi!

Nome

Email *

Messaggio *

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

- Copyright © Peek-a-booK! -Metrominimalist- Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -