giovedì 26 giugno 2014

TITOLO ORIGINALE: "The Lottery"
EDITORE:  Adelphi
ISBN: 9788845921841
1ª EDIZIONE ORIGINALE: 1948
PAGINE: 82
TRADUZIONE: Franco Salvatorelli
PROVENIENZA: biblioteca
VALIDO PER LE SFIDE: Women Challenge, Alphabeth Soup, I love library books

INTRODUZIONE BREVE: 
Ambientata in un piccolo villaggio di trecento persone, La lotteria inizia il 27 del mese di giugno, gli abitanti del villaggio si apprestano tutti ad un grande raduno, parlando di "semina, di raccolti ed altre frivolezze". I bambini giocano radunando dei sassi, le mamme si raccontano pettegolezzi. Anche se l'atmosfera sembra giovale, serena, si comincia a notare qualcosa di sinistro; tutti gli abitanti sorridono non felici, ma nervosi. Andando avanti, avvengono le preparazioni per la lotteria ma, solo alla fine, si scoprirà la verità.

PERCHE’ L’HO LETTO:
Non conoscevo questa autrice, ma ne avevo sentito parlare un gran bene da Ilenia del blog "Con amore e squallore" e ho deciso di partire da questo libricino di racconti.

LA MIA OPINIONE:
In tanti si sono approcciati a questa scrittrice dopo aver letto che Stephen King la definiva come sua maestra e modello imprescindibile, per poi rimanere delusi.
Shirley Jackson NON è Stephen King, quindi non leggetela per quello, leggetela perché ne vale la pena.

"La lotteria" è uno dei quattro racconti che compone questo libro, racconti che definirei "disturbanti", ma non privi di un sottile filo ironico.
Li ho trovati tutti più che validi, spiccano fra tutti "Lo sposo" e "La lotteria".

Quello che mi è piaciuto di questi racconti è che gli avvenimenti partono sempre in modo molto pacato, sottotono, per poi trovarsi nel giro di poche pagine a leggere epiloghi agghiaccianti e, come nel caso del racconto che dà il titolo al libro, di una violenza inaudita.

In Italia non sono stati ancora tradotti tutti i suoi romanzi, per ora possiamo leggere "L'incubo di Hill House" del 1959, "Abbiamo sempre vissuto nel castello" del 1962 e, da pochissime settimane è in libreria "Lizzie" del 1954.

Mi sono ripromessa di proseguire nella lettura di questa autrice, "La lotteria" è stato decisamente un buon inizio.


3.5/5


{ 3 commenti... read them below or Comment }

  1. Ti consiglio "abbiamo sempre vissuto nel castello", una lettura inquietante che sinceramente faccio fatica a descrivere, è un libro che non saprei prprio come classificare!

    RispondiElimina
  2. Io la adoro! ha un modo di scrivere che ti fa venire i brividi anche quando non esplicita nulla... Peccato se ne sia andata troppo presto, avrei letto qualsiasi cosa di suo! ^_^

    RispondiElimina
  3. @Paprika: l'avevo preso in biblioteca qualche mese fa, ma ho dovuto riportarlo per scadenza prestito, senza aver fatto in tempo a leggerlo. Rimedierò al più presto!

    @la libreria pericolante di Ross: concordo!

    RispondiElimina

Peek a booK!. Powered by Blogger.

Join my new 2017 "Women Challenge"! :)

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

In lettura

Follow by Email

Lettori fissi

Scrivimi!

Nome

Email *

Messaggio *

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

- Copyright © Peek-a-booK! -Metrominimalist- Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -