giovedì 20 febbraio 2014

TITOLO ORIGINALE: "The country girls"
EDITORE:  Elliot
ISBN: 9788861923591
1ª EDIZIONE ORIGINALE: 1960
PAGINE: 256
VALIDO PER LE SFIDEFull HouseOutside the boxWomen ChallengeOff the shelf

INTRODUZIONE BREVE: 
La timida e romantica Caithleen sogna l'amore, mentre la sua amica Baba, sfrontata e disinibita, è ansiosa di vivere liberamente ogni esperienza che la vita può regalare a una giovane donna. Quando l'orizzonte del loro piccolo villaggio, nella cattolicissima campagna irlandese, si fa troppo angusto, decidono di farsi espellere dal collegio di suore in cui vivono per scappare nella grande città (Dublino), in cerca d'amore ed emozioni. Nonostante siano fermamente decise a sfidare insieme il mondo, le loro vite prenderanno però vie del tutto inaspettate e ciascuna dovrà imparare a scegliere da sola il proprio destino.

PERCHE’ L’HO LETTO:
Avevo letto diverse buone recensioni e, casualmente, l'autrice è stata scelta da uno dei gruppi di lettura che frequento come lettura di febbraio. Potevo leggere qualsiasi suo libro ed ho scelto questo.

LA MIA OPINIONE:
Per Philip Roth Edna O'Brien è "la più grande scrittrice vivente in lingua inglese".
Mi dispiace ma devo prendere le distanze da uno del calibro di Roth e me ne dispiaccio.
La O'Brien pare avere avuto una vita molto movimentata e degna di essere raccontata, questa non è la sua autobiografia (che è, invece, "Country girl"), ma il romanzo è comunque pieno di riferimenti autobiografici e a lei riconducibili.
Il libro l'ho letto per un gruppo di lettura nel quale scegliamo solo l'autore, poi si è liberi di leggere il libro che si preferisce; questo per dire che, ciò che penso di questo romanzo, era un po' l'opinione comune di tutti i partecipanti anche sugli altri libri della O'Brien. Quindi Mr Roth, mi dispiace, ma siamo in diversi a non essere d'accordo con Lei.
E' un libro piatto, dove si salvano pochissime cose, forse solo la descrizione della campagna irlandese a quei tempi e il bigottismo religioso imperante, che soffocava la voglia di vivere dei giovani e, soprattutto delle donne.
E poi? Poi basta. La storia è raccontata ad un livello abbastanza superficiale, sembra quasi che l'autrice abbia delle ambizioni che non riesce a portare a termine.
La trama è un po buttata lì, non c'è la rielaborazione della scrittura, quasi che fosse solo cronaca.
Non dà spessore ai suoi personaggi, sono piatti e i passaggi fra i vari momenti del libro li ho trovati bruschi.
Un peccato, perché di materiale buono sul quale lavorare l'autrice ne aveva in abbondanza ma, a mio parere, non ha saputo sviluppare una trama all'altezza.
Ah: se arriverete fino alla fine non vi preoccupate per il finale un po' insulso, il libro è il primo capitolo di una trilogia.

Se vi va fatemi sapere se lo avete letto e cosa ne pensate ;)




2/5




{ 3 commenti... read them below or Comment }

  1. Anche io ne avevo sentito parlare molto bene :(

    RispondiElimina
  2. Davvero un peccato che legga SOLO opinioni negative di questo libro. Tutto il pompaggio che c'è stato (almeno nelle librerie di Roma) mi faceva pensare a un libro almeno passabile e invece... Mi aveva incuriosito, tant'è che stavo quasi per comprarlo. Però la curiosità è rimasta perché io sono così, se leggo recensioni negative alla fine leggo il libro in oggetto (devo capire per quale strano motivo). Di certo, però, non lo compro ma lo prenderò in biblioteca.

    RispondiElimina
  3. Fai bene Nereia, bisogna sempre dare un'opportunità ad un libro, sappimi poi dire ;)

    RispondiElimina

Peek a booK!. Powered by Blogger.

Join my new 2017 "Women Challenge"! :)

Cerca nel blog

In lettura

Follow by Email

Lettori fissi

Scrivimi!

Nome

Email *

Messaggio *

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

- Copyright © Peek-a-booK! -Metrominimalist- Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -