mercoledì 22 gennaio 2014


"Wishlist Wednesday" è una rubrica ideata dal blog "Pen to Paper".
Il tutto consiste nel segnalare un libro che si ha in wish list da tanto tempo - oppure di cui si è appena venuti a conoscenza - e che non si vede l'ora di leggere.
Mi piace leggere i consigli letterari degli altri blog, quindi spero che anche i miei vi siano graditi :)

*******************************
Sono stata due giorni in ferie (operai in casa, non ve li auguro) quindi ho avuto un bel po' di tempo in più del solito, per spulciare in giro titoli nuovi e rimpinguare la mia wishlist, ormai di dimensioni abnormi.
Senza scordarci che sto leggendo "Curarsi con i libri" che, ad ogni pagina, fa venire voglia di segnarsi un titolo nuovo :D
Questo per dire che ne ho aggiunti tanti nell'ultima settimana, ma ve ne devo dire solo uno, quindi ho deciso di scegliere questo:

"La storia di un matrimonio" di Andrew Sean Greer



Ecco la trama:
"Crediamo tutti di conoscere le persone che amiamo": così Pearlie Cook comincia a raccontarci gli incredibili sei mesi che sono stati, per il suo matrimonio, una sorta di inesorabile lastra ai raggi X. Siamo nel 1953, in un quartiere appartato e nebbioso di ex militari ai margini di San Francisco, e tutto nella vita dei Cook parla ancora della guerra: la salute cagionevole di Holland, i ricordi tormentati di lei, le loro abitudini morigerate e un po' grigie. Una vita per il resto normalissima, come sottolinea la voce ammaliante di Pearlie - mentre la sua testa scoppia di pensieri che forse, via via che si disvelano, preferiremmo non ascoltare. Eppure li leggiamo con avidità, rassicurati dal fatto che lei, palesemente, ha intenzione di dirci proprio tutto. Perché, allora, ci sentiamo invadere da un'ansia arcana, da un senso di vertigine e di smarrimento, come davanti a certe atmosfere torve di Edgar Allan Poe? Non solo per il susseguirsi di colpi di scena che ci avvincono a ogni riga sino a condurci all'unico finale davvero imprevedibile. Non solo per l'uomo venuto dal passato, per la lettera che colpisce come un pugno, per i terribili segreti che si dischiudono a uno a uno... Sarà allora per la dolorosa lucidità con cui la narratrice riesce a indagare la distanza che separa ciascuno di noi dagli altri? O perché a ogni pagina ci chiediamo: come fa Pearlie a sapere tutte queste cose - di noi?

Avevo letto diversi pareri positivi e la trama mi ha veramente intrigato!
L'ho già segnato nella mia "lista della spesa" per la prossima spedizione in biblioteca ^_^

Che ne pensate?
Voi l'avete letto?


Se vi va fatemi sapere qual è il libro che è nella vostra wishlist e non vedete l'ora di leggere! :)

{ 4 commenti... read them below or Comment }

  1. Questi libri che ti invogliano ad allungare la wishlist di almeno mezzo metro al minuto sono orrendi (in senso buono ovviamente) ahah

    RispondiElimina
  2. Io lo lessi circa due anni fa e mi ricordò che mi colpì molto anche per una cosa particolare che viene rivelata solo a metà libro.... purtroppo non ricordo tanto e non l'ho nemmeno recensito per Anobii... dovrò rileggerlo!

    RispondiElimina
  3. Sembra molto intrigante infatti dalla trama, non vedo l'ora di leggerlo! Rileggilo anche tu, che poi ci confrontiamo ^_^

    RispondiElimina

Peek a booK!. Powered by Blogger.

Join my new 2017 "Women Challenge"! :)

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

In lettura

Follow by Email

Lettori fissi

Scrivimi!

Nome

Email *

Messaggio *

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

- Copyright © Peek-a-booK! -Metrominimalist- Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -