venerdì 10 febbraio 2012

[ENG]
PUBLISHER: Fabbri
ISBN: 9788807156779
FIRST ORIGINAL EDITION: 1811
PAGES: 398
SOURCE: purchased



SHORT INTRO:
Elinor and Marianne, the protagonists of the novel, are the daughters of the second marriage of Mr.Dashwood. There is also a younger sister, Margaret, and an older brother, John, who was born from the first marriage. When the father dies, the family estate passes, as usual, to the first son, John, so Dashwood women find themselves in a financially uncertain situation.

WHY I READ IT:
I'm not one of those huge Jane Austen’s fans, but I do appreciate her novels, and I couldn’t miss her first work, given I had already read both "Mansfield Park" and "Pride and Prejudice."

THE STORY:
Initially titled "Elinor and Marianne”  in the first draft of 1795 (and written in epistolary form), "Sense and Sensibility" was published in 1811 and, the protagonists, are the two sisters who gave their name to the book.
Elinor, the oldest, "personifies" the Reason (Sense), all of her actions or her thoughts are always rational and measured whereas Marianne, her beloved sister “personifies” the Feeling (Sensibility), being an entirely romantic and impulsive heroine.
Both girls are searching for love and most of all a loving marriage (and not a convenience one, as it was customary at the time), they will go through trials and tribulations, before coming to an ending that doesn’t necessarily satisfy everyone, but that shows how much the sisters can be happy switching their typical roles and giving up to the other sister’s point of view.

MY OPINION:
Enjoyable reading, in the purest  “Austen’s style”.
The outline characters are described with her usual accuracy and with the subtle irony that distinguishes her; the characterization of the female characters is by far the most successful and, unlike other Austen’s works, the male characters are less defined, even if we can always see the peculiarities of each one.
This edition is visually perfect, the cover is wonderful and it’s also equipped with a romantic purple ribbon bookmark.
Too bad for some of the slip we find here and there in the translation, which shouldn’t really affect the beauty of the novel.


3.5/5



[ITA]
“RAGIONE E SENTIMENTO” di Jane Austen
TITOLO ORIGINALE: “Sense and Sensibility”
EDITORE: Fabbri
ISBN: 9788807156779
1ª EDIZIONE ORIGINALE: 1811
PAGINE: 398
PROVENIENZA: acquistato

INTRODUZIONE BREVE:
Elinor e Marianne, le protagoniste del romanzo, sono le figlie del secondo matrimonio del Signor Dashwood. Oltre a loro ci sono anche una sorella minore, Margaret, e il fratello maggiore, John, che è nato dal primo matrimonio. Quando il padre muore, la tenuta familiare passa, come consuetudine, al primogenito maschio, John, così le donne Dashwood si trovano in una situazione finanziaria molto precaria.

PERCHE’ L’HO LETTO:
Non faccio parte delle fan sfegatate di Jane Austen, ma apprezzo molto i suoi romanzi e non potevo non leggere la sua prima opera, dopo aver già letto “Mansfield Park” e “Orgoglio e Pregiudizio”.

LA STORIA:
Inizialmente intitolato “Elinor and Marianne” (e scritto in forma epistolare) nella prima stesura del 1795, “Ragione e Sentimento” fu pubblicato nel 1811 e, protagoniste, ne sono proprio le due sorelle che davano nome al libro.
Elinor, la maggiore, “impersona” la Ragione, ogni sua azione o suo pensiero sono sempre razionali e misurati mentre Marianne, sua adorata sorella, il Sentimento, essendo ella un’eroina del tutto romantica e impulsiva.
Entrambe alla ricerca dell’amore e di un matrimonio che non sia solo di convenienza (come usava all’epoca) dovranno passare attraverso intrecci e colpi di scena, prima di giungere ad un finale che non soddisfa tutti, ma che mostra quanto le sorelle possano essere felici anche lasciandosi andare l’una al sentimento invece che alla ragione e, all’opposto, l’altra, al realismo al posto della passione che l’ha sempre contraddistinta.

LA MIA OPINIONE:
Lettura godibilissima, nel più puro stile Austen.
I personaggi di contorno sono descritti con la sua consueta accuratezza e con la sottile ironia che la contraddistingue; la caratterizzazione dei personaggi femminili è quella meglio riuscita mentre, a differenza di altre opere della Austen, i personaggi maschili sono meno definiti, anche se si riescono sempre a scorgere le peculiarità di ognuno.
Questa edizione è graficamente perfetta, la copertina è meravigliosa ed è provvista anche di un romantico segnalibro viola a nastrino.
Peccato qualche scivolone qua e là nella traduzione, che comunque non inficia la bellezza del romanzo.

3.5/5

{ 1 commenti... read them below or add one }

  1. concordo, la definizione perfetta e vivida dei due caratteri femminili oscura un po' quella dei personaggi maschili, ma io un'idea di Edward Ferrars e del Colonnelo Brandon me la sono fatta comunque ;)

    RispondiElimina

Peek a booK!. Powered by Blogger.

Join my new 2017 "Women Challenge"! :)

Cerca nel blog

In lettura

Follow by Email

Lettori fissi

Scrivimi!

Nome

Email *

Messaggio *

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

- Copyright © Peek-a-booK! -Metrominimalist- Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -