"HO VISTO IL FILM" di Dario Pontuale


EDITORE: Valigie Rosse
1ª EDIZIONE ORIGINALE: 2014
PAGINE: 106

INTRODUZIONE BREVE: 
I "ritratti di libri" che compongono "Ho visto il film" sono il risultato di letture e incontri che lo scrittore Dario Pontuale ha tenuto nel corso del tempo, con l'unica finalità di invogliare alla lettura di grandi capolavori, conosciuti dal pubblico forse per il nome dell'autore, di un eroe o appunto... per aver visto il film! La scelta dei libri presentati e l'ordine in cui essi appaiono non segue criteri cronologici, geografici, tipologici, ma l'incontro dell'autore con quei Classici che a un certo punto del suo passato, anche remoto, sono entrati con forza nella sua vita di lettore.


PERCHE’ L’HO LETTO:

C'è forse qualcosa di più bello, interessante, appassionante dei libri che parlano di libri?

LA MIA OPINIONE:
19 grandi classici della letteratura italiana e internazionale raccontati, sviscerati, esaltati, come solo lo stile chiaro e coinvolgente di Dario Pontuale sa fare. Si comincia con Hemigway, si prosegue con Buzzati, passando per Camus e Bukowski, e per tutti viene preso in esame un titolo che sta a cuore all'autore, che ci segnala anche il film che da quel romanzo è stato tratto. Letteratura e cinema in un colpo solo, ma anche illustrazioni, perché i capitoli sono impreziositi dai ritratti degli autori presi in esame, piccole opere d'arte nate dalla mano di artisti, illustratori, fumettisti e disegnatori internazionali.
Consiglio di leggere il libro come ho fatto io, senza sbirciare prima l'indice, ma sfogliandolo capitolo dopo capitolo, lasciandovi sorprendere dai titoli scelti dall'autore, scoprendo se li avete letti o meno anche voi, se pensate le stesse cose che scrive lui, se non siete assolutamente d'accordo o, nel caso un libro per voi fosse nuovo, se Pontuale è riuscito ad invogliarvi a leggerlo.
E' questa la magia dei libri che parlano di libri: portarci su nuove strade, nuove ramificazioni, che ci portano a un libro, che ci porterà ad un altro, che ci porterà ad altri mille ancora.
E qui c'è anche il plus dei film. Preparatevi tanto tempo libero per le vostre nuove (ri)scoperte! :)

p.s. se vi ho incuriosito qui trovate un'anteprima del libro.



4.5/5








PEEK-A-SIGN! giugno 2016

Benvenuti al primo post riepilogativo mensile della nuova rubrica "Peek-a-Sign!".
Se non la conoscete ancora correte a questo link a leggere di cosa si tratta :)

La rubrica è iniziata a giugno, quindi in questo post troverete tutte le insegne che ho pubblicato su Facebook, Twitter e Instagram durante il mese appena trascorso.

Il numero delle foto varierà di mese in mese, non c'è niente di fisso, dipende da quante nuove librerie incontrerò sulla mia strada :)

Ecco a voi le insegne di giugno tutte in una volta allora! :)


Berlino, quartiere di Charlottenburg, Knesebeckstraße



Nel quartiere di Prenzlauer Berg, vecchie librerie di Berlino Est.



Berlino, Savigny Platz, qui dentro c'erano anche due cagnoloni dolcissimi e splendidi, con il pelo che sembrava velluto. Uno dormiva beato su una poltrona, l'altro ci ha seguito per il negozio in cerca di coccole. Un valore aggiunto ^__^



Berlino, quartiere di Kreuzberg, qui anche ampia scelta di libri in italiano.


Berlino, libreria nel quartiere di Schöneberg, che prende il nome da un parco poco distante. Libri e parchi, binomio perfetto!



E per giugno è tutto!
Ci vediamo sui social per le foto di luglio, altrimenti ci ritroviamo qui i primi di agosto per il post riepilogativo di tutte le foto che avrò pubblicato su Facebook, Twitter e Instagram il mese precedente.

A presto! :)
lunedì 4 luglio 2016

Stacking the Shelves (Giu.14)


"Stacking the Shelves" è un meme settimanale creato dal blog "Tynga's Reviews", che dà ai blogger l'opportunità di mostrare i loro "ultimi arrivi", siano questi cartacei, e-books, libri acquistati, avuti in regalo ecc. Mi sembra un meme molto carino, spero che possa piacere anche a voi :)

************************************************************************************************************************************

Sono rimasta un po' indietro con le ultime novità approdate nella mia libreria, questo ad esempio è stato un graditissimo regalo di Natale che, sì, vi presento colpevolmente alle porte dell'estate ^__^


Come vedete è un libro GIGANTESCO, l'ho affiancato appositamente a un classico BUR, per farvi capire le dimensioni.

Il titolo parla da solo, ma non è unicamente un libro sulla letteratura francese di quel periodo, è anche una raccolta di poesie e dipinti splendidi di Parigi e degli autori stessi, in una grandezza che ve li farà godere appieno (cliccate sulle foto per vederle ancora più grandi).



Ci sono tutti gli autori maggiormente rappresentativi dell'epoca:

l'immancabile Baudelaire




Mallarmè




Rimbaud



Verlaine



Spero con queste foto di avervi dato almeno in parte l'idea della maestosità di questo libro, che ha sì un prezzo probabilmente proibitivo (79,00 €), ma credo sia una chicca che, prima o poi, non possa mancare nelle librerie degli appassionati del periodo :)

NUOVA RUBRICA IN ARRIVO!

fonte: www.tramsen.net

Sì, lo so, ultimamente scrivo poco, ma che ci volete fare, tra lavoro a tempo pieno, corso di tedesco e le mille cose da fare che offre Berlino (bisognerebbe poter vivere mille vite per farle tutte) il blog purtroppo non riesco a curarlo come vorrei.
Rimane però sempre nei miei pensieri tant'è che... sì, sembra incredibile ma è così, mi sono addirittura inventata una nuova rubrica! :D

Come saprete e ho già avuto modo di raccontarvi Berlino è splendida anche perché è piena di librerie, sul serio, per noi lettori è un vero paradiso.
Le librerie di catena sono più o meno presenti solo nei centri commerciali, mentre nel resto della città, dominano le piccole librerie indipendenti, librerie dell'usato, del nuovo, del riciclato.
Librerie per tutti gusti.

Ovvio che, anche se vorrei, non potrei proprio farvi un post per ognuna di queste meraviglie.
Voglio dire, forse lo riuscirei a fare se il blog fosse il mio lavoro ma, purtroppo, non lo è e per comprare i nostri amici libri devo ancora adattarmi a quello che nella vita so fare meglio (lavorativamente parlando), cioè la ragioniera :D

fonte: www.neon-light.net

Come portarvi però con me in giro per le librerie berlinesi almeno in piccola parte?
Ecco che arriva la nuova rubrica, "Peek-a-Sign!"
"Sign" come insegna, perché sì, sono loro, le insegne, quelle che noi lettori vediamo anche da lontano, e che seguiamo come un miraggio nel deserto, anche in mezzo alla nebbia, sotto alla pioggia o nel buio più pesto. Sono quel segnale che ci dice: "hey, lettore, vieni, qui sarai felice, qui troverai ciò che cerchi!"
E noi le seguiamo queste insegne, come un faro nella notte, come Alice con il Bianconiglio, sicuri che ci porteranno nel nostro personalissimo paese delle meraviglie.

E allora ecco, sì, la mia idea è di fotografare ogni insegna di libreria che incontrerò qui a Berlino (ma anche in altre in altre città, quando farò giretti o vacanze lontano da qui) e postarla su Instagram, Twitter e Facebook in tempo reale, per poi fare un post riepilogativo qui sul blog una volta al mese, per chi non ha i social o comunque per vedere le insegne del mese tutte insieme.
Su Instagram e Twitter seguite l'hashtag #peekasign , su Facebook semplicemente i post che farò, perché trovo che gli hashtag su quel social non abbiano molto senso :)

Spero tanto che la mia idea vi piaccia e vi faccia sentire un po' con me a spasso per librerie :)

Fatemi sapere cosa ne pensate ^__^

domenica 12 giugno 2016

IL "MIO" SALONE DEL LIBRO DI TORINO 2016

E anche il mio terzo Salone è finito.

Questa volta è stato un Salone particolare, è stato il primo a cui partecipo da quando vivo a Berlino, quindi a Torino ci sono arrivata in aereo e non in treno.
E solo con il bagaglio a mano.
Questo ha fatto sì che passassi ore di puro terrore, calcolando quanti libri potessi comprare in base al loro peso, affinché all'imbarco non mi sentissi dire che avevo sforato e dovevo lasciare dei libri a terra. Oddio, non ci voglio nemmeno pensare :D
Alla fine sì, dei libri ne ho comprati, ma sono stata brava, dobbiamo dirlo, in valigia c'è stato tutto e il mio piccolo bottino è atterrato sano e salvo con me a Berlino :)

Vi avevo già postato gli acquisti del primo giorno su Facebook e Twitter, ma quelli del secondo ancora no, quindi eccoveli qui, fatemi sapere cosa ne pensate, se avete letto qualcosa che ho comprato, se l'avete anche voi, se invece magari non vi piace, insomma, fatemi sapere! :)


Giorno 1
I libri di Elizabeth Jane Howard li avevo "puntati" da un po' e avevo letto alcune recensioni positive che mi avevano incuriosito e fatto mettere il primo volume della saga dei Cazalet in wish list.
Sabato era l'autrice del giorno da Fazi (e quindi i suoi libri erano tutti al 50%) e ne ho approfittato per prendere i primi due titoli della saga. Con i libri ho avuto in regalo la carinissima borsina con Charlotte Brontë.

La raccolta di articoli di Billy Wilder che parla della Berlino anni Venti, edito da Edizioni Lindau e con quella copertina splendida lì potevo non prenderlo? Libro che, proprio al Salone, ha avuto una delle presentazioni più interessanti alle quali abbia partecipato. Ovviamente è venuto a casa con me.
Dietro di lui vedete la stessa copertina ma con la scritta "L'Isola": è il numero zero della nuova rivista di Lindau, che contiene approfondimenti sui loro libri, belle foto e tanto altro. Fatela vostra ;)

"Il mio nome è Pentothal" è un saggio edito da Ianieri Edizioni in occasione dei 40 anni dall'uscita delle prime tavole di "Le straordinarie avventure di Pentothal" di Andrea Pazienza.
Mi incuriosisce molto, sono davvero curiosa di leggerlo!





Giorno 2
Ormai io e Luca del blog "Holden&Company" abbiamo una piccola consuetudine: durante il Salone facciamo un giro insieme per gli stand e mi consiglia un libro che secondo lui proprio non devo perdere ed io, visto che mi fido tantissimo, lo compro, spesso a scatola chiusa.
L'anno scorso (qui il resoconto del Salone 2015) grazie a lui avevo comprato "I genietti della domenica" di Julio Ramon Ribeyro, un titolo che proprio non conoscevo, quest'anno invece la raccolta di racconti "Rosa shocking" di Adam Levin. Il titolo lo conoscevo, perché la collana "Black Coffee" di Edizioni Clichy è interessantissima e già avevo "Last days of California" di Mary Miller. Grazie Luca!

Mentre eravamo a chiacchierare con i ragazzi di Edizioni Clichy (e a comprare "Rosa Shocking") mi sono fatta tentare da "Estasi di libertà" di Zweig autore che, se mi seguite, sapete che adoro. Questo titolo lo avevo già, ma in un'altra edizione, questa mi piace molto di più, il viola è il mio colore preferito e la fascetta rosa che parla di "Grand Budapest Hotel" (di cui vi avevo parlato qua), hanno dato la spinta finale al mio secondo acquisto da Edizioni Clichy :)

L'autore del giorno da Fazi per quanto riguarda la giornata di domenica era Charlotte Brontë. Fazi negli ultimi tempi ha pubblicato diversi titoli di questa autrice che, come le sorelle, è tra le mie autrici preferite di sempre. "Il professore" è il suo primo lavoro (pubblicato postumo) e va a fare compagnia agli altri romanzi di Charlotte che già avevo, questo era l'unico che mi mancava.

Ultimo acquisto del mio Salone è il terzo volume (uscito da pochissimo) della "Trilogia della pianura" di Kent Haruf edito da NN Editore. Gli altri due volumi li avevo già e, dato che non sono usciti in ordine, ho preferito averli tutti prima di iniziare a leggerli. Adesso posso finalmente fare la conoscenza di Haruf :)

Capitolo presentazioni. Ne ho viste poche e mirate. Niente grandi ospiti, che odio fare la fila e le sale grandi, preferisco le presentazioni più "intime" e sentite.
Su tutte mi è piaciuta quella di Edizioni Lindau per il libro di Billy Wilder, veramente ben fatta e curata. Quasi a pari merito quella per la nuova traduzione (che sostituisce quella di Cesare Pavese) di "Riso Nero" di Sherwood Anderson edita da Cliquot, davvero interessante e che mi ha lasciato con la voglia di comprare il libro, cosa che farò sicuramente.


Insomma, sono tornata a Berlino con un piccolo carico di nuove letture che hanno trovato prontamente posto nelle mie librerie e, come sempre, ho cercato di non comprare "a caso", ma di fare acquisti mirati, con un senso, in modo che, anche se magari un libro lo leggerò fra anni, mi ricorderò esattamente quando e, soprattutto, perché, l'avevo comprato. Mi piace che le mie letture abbiano sempre alle spalle una storia propria :)


Fatemi sapere cosa avete acquistato di bello al Salone, o cosa avreste comprato se ci foste stati, che sono supercuriosa ^_^




WISHLIST WEDNESDAY (Apr.06)


"Wishlist Wednesday" è una rubrica ideata dal blog "Pen to Paper".
Il tutto consiste nel segnalare un libro che si ha in wish list da tanto tempo - oppure di cui si è appena venuti a conoscenza - e che non si vede l'ora di leggere.
Mi piace leggere i consigli letterari degli altri blog, quindi spero che anche i miei vi siano graditi :)

*******************************

La settimana scorsa abbiamo parlato di un libro "cinematografico", questa settimana di un libro "musicale".


"Girl in a band" è l'autobiografia di Kim Gordon, storica bassista (e chitarrista/cantante) dei Sonic Youth, uno dei miei gruppi preferiti.

Una di quelle donne del mondo del rock a cui ho sempre guardato con ammirazione, stima, desiderio di essere al suo posto.


Fidanzata con Thurston Moore, leader del gruppo, da prima che nascessero i Sonic Youth, ci è rimasta sposata per 27 anni e la loro rottura ha portato anche allo scioglimento della band.


Nella sua autobiografia (che ho visto nei negozi in inglese e in tedesco, e non credo sia uscita in italiano, correggetemi se sbaglio), pare che Kim racconti un po' di tutto, il suo pre Sonic Youth, la sua vita con la band, il suo essere contemporaneamente moglie e compagna di palco di Thurston, fino alla rottura di tutto.

Nel libro ci sono anche velenosità su altri rocker famosi, come Courtney Love e Billy Corgan e parti dedicate all'amore per la figlia Coco e al rapporto speciale che - Kim - aveva con Kurt Cobain.
Tutti nomi che conosco benissimo e sono la base del mio background musicale.


Quindi, sì, questo è il "libro che vorrei" della settimana. Che essere una "girl in a band" è sempre stato un po' un mio sogno, soprattutto quando le muse erano del calibro di Kim.


P.S. se non avete mai ascoltato i Sonic Youth, io i loro album li consiglio TUTTI. Che poi mi piaccia soprattutto "Experimental Jet Set, Trash & No Star" (ma quanto è bello questo titolo?) è solo un'ulteriore dritta.

C'è un articolo molto interessante e approfondito su questo libro, a firma di Claudia Durastanti. Lei il libro l'ha letto e racconta molte più cose di quante possa fare io quindi, se vi ho messo un po' di curiosità, leggetela qui.


Se vi va fatemi sapere qual è il libro che è nella vostra wishlist e non vedete l'ora di leggere! :)


Stacking the Shelves (Apr.05)


"Stacking the Shelves" è un meme settimanale creato dal blog "Tynga's Reviews", che dà ai blogger l'opportunità di mostrare i loro "ultimi arrivi", siano questi cartacei, e-books, libri acquistati, avuti in regalo ecc. Mi sembra un meme molto carino, spero che possa piacere anche a voi :)

************************************************************************************************************************************

Ormai sapete quanto ami leggere i classici e Charles Dickens è fra i miei autori preferiti.

In uno dei miei recenti giri per librerie qua a Berlino ho trovato in una selezione di libri usati un'edizione di "Piccola Dorrit" della Penguin, intonsa, del 1975.



Il libro include anche 24 delle illustrazioni originali di Hablot Knight Browne, detto "Phiz", che aveva illustrato diversi romanzi di Dickens.



Non sono bellissime?
Avevo già letto questo libro diversi anni fa, ma l'avevo preso in prestito in biblioteca e non ne avevo mai avuta una copia mia.

A chi non ha mai letto Dickens dico sempre di non lasciarsi scoraggiare dalla mole dei suoi romanzi, perché racchiudono dei mondi interi, delle sorprese continue e ha davvero la capacità di farci sentire parte di ciò che racconta, di farci essere un personaggio fra i tanti che popolano le sue storie.

Cosa ne pensate di Dickens e dei classici in generale?
Se li leggete, qual è il vostro autore preferito? Oppure non fanno proprio al caso vostro?


Fatemi sapere! :)


La lista del venerdì #121



Benvenuti al nuovo appuntamento con "La lista del venerdì"!
Per maggiori informazioni sull'idea di questa lista leggete pure qua :)
**********************************************************************************************************************
* Wigtown, in Scozia, è famosa per il suo festival letterario e per essere una cittadina con un alto tasso di librerie e appassionati di lettura.
Se il vostro sogno è sempre stato quello di fare i librai non lasciatevi sfuggire l'occasione: una di queste librerie di Wigtown vi offre da dormire a buon prezzo e in cambio dovrete/potrete gestire la libreria al piano inferiore a dove dormirete.
Io lo farei e chi l'ha già fatto ha lasciato commenti entusiastici.
Da chi non l'ha fatto ho sentito pareri discordanti, soprattutto perché il lavoro in libreria non è retribuito e si pagherebbe per lavorare. Voi che ne pensate?
Qui la notizia e le foto e qui la pagina Airbnb con tutte le regole dell'offerta spiegate bene dai proprietari (e i commenti di chi è già stato da loro).


* Spesso noi appassionati di libri siamo anche grandi amanti del mondo della cancelleria (provate a dire di no! ^_^ ), quindi guardate la sezione "Stationery" di questo sito e ditemi se non comprereste tutto, i prezzi poi sono ottimi!


* Martedì nella rubrica delle novità "Stacking the shelves" vi ho parlato de "Il grande libro degli animali", una splendida raccolta di illustrazioni di Ingela P. Arrhenius. Ebbene, oggi vi lascio il link al sito dell'illustratrice, affinché possiate vedere quante altre cose meravigliose può creare con i suoi disegni :)


* Sono una grande appassionata dell'atmosfera natalizia, ma forse questo sarebbe troppo anche per me: in Alta Valsesia ha aperto il "Mirtillo Rosso", un albergo dove è Natale tutto l'anno, perché il 24 di ogni mese si festeggia come se fosse la vigilia! Leggete qua :)


E ora, come sempre, vi lascio con qualche bella foto trovata in Internet :)
Alla prossima settimana!

Vineyards near Heilbronn, Germany

Street Art Valparaiso, Chile

Phare du Four in Brittany, France




venerdì 1 aprile 2016

Tre libri in poche parole #23

Immagine di Enrica Trevisan Illustrazioni

Benvenuti a "Tre libri in poche parole"!
Se volete più informazioni su questa rubrica che ho ideato leggete pure qui.
Buona lettura! :)
****************************************************************************************************************************************
Torna l'edizione speciale di "Tre libri in poche parole"!

Dopo la prima puntata, nella quale a tenerci compagnia è stata Manuela di "Impressions chosen from another time", questa settimana a parlarci dei suoi tre libri è Antonella - Nellie - Airoldi del blog "Just another point".
Seguitela sul blog e su tutti i suoi vari social, perché è una fonte preziosa di consigli di lettura e, soprattutto, è supersimpatica! ^_^

Lascio la parola a Nellie allora, buona lettura!

"America primo amore" di Mario Soldati
Capisci che un libro è immenso quando cominci a leggere la copia che hai preso in biblioteca per riporla pochi istanti dopo in un angolo, correre alla libreria più vicina e acquistare la tua copia di quel libro, tutta da sottolineare e riempire di cuori. Non c’è capitolo, nella mia copia di America Primo Amore, che non abbia una frase colorata da me: è la storia di un tentativo di espatrio che si è trasformato in un ritorno, una storia d’amore fra la patria e il paese ospitante che vede un giovane crescere, maturare e acquisire valori che solo un viaggio ti può donare. Una meraviglia.


"Cosa accadrebbe se? Risposte scientifiche a domande ipotetiche assurde" di Randall Munroe (trad. S.Serù) 
Vi è mai capitato di leggere un libro, non capirci nulla ma ridere tantissimo? A me sì. Bompiani (collana Overlook) ha portato in Italia la raccolta delle domande più assurde che Randall Munroe, scienziato e fumettista, ha scelto fra le molte a cui ha risposto sul proprio sito internet http://xkcd.com/ e che ha deciso di mettere nero su bianco insieme ai suoi scarabocchi più divertenti. Perché si ride, moltissimo, ma capire la fisica non è poi così semplice soprattutto quando serve a rispondere a domande come: è possibile costruire uno zaino jet utilizzando delle mitragliatrici che sparino verso il basso? Io, allergica a tutte le formule matematiche del mondo, mi son divertita comunque tantissimo grazie anche alle domande più assurde e più strane a cui nemmeno lo scienziato ha saputo rispondere. Un esempio? È possibile piangere talmente tanto da disidratarsi? Il mondo, a volte, è un posto meraviglioso.



"Olive Kitteridge" di Elizabeth Strout (trad. S.Castoldi)
Servono davvero parole per convincervi a prendere questo libro e passarci ogni minuto del vostro tempo libero? È un libro straordinario, una prosa attenta e scorrevole che vi trascinerà in un limbo di pensieri sul passato, presente e futuro con storie che si incrociano fra loro e che paiono narrare tutte le difficoltà che la vita porta con sé. Eppure si continua a sperare e a mettersi in gioco perché, a volte, qualcosa di bello accade. Tipo avere questo libro fra le mani.









Li conoscevate questi libri? Ditemi anche la vostra opinione o consigliatemi qualche libro in poche parole! :)
Grazie ancora Nellie!

WISHLIST WEDNESDAY (Mar.30)


"Wishlist Wednesday" è una rubrica ideata dal blog "Pen to Paper".
Il tutto consiste nel segnalare un libro che si ha in wish list da tanto tempo - oppure di cui si è appena venuti a conoscenza - e che non si vede l'ora di leggere.
Mi piace leggere i consigli letterari degli altri blog, quindi spero che anche i miei vi siano graditi :)

*******************************
L'altro giorno ero in una libreria? negozio di vinili? negozio di abbigliamento sportivo? A Berlino le distinzioni all'interno dei negozi non sono sempre ben chiare (credo sia una questione di licenze, più elastiche che in Italia) e vi potrete ritrovare, ad esempio, in un negozio di biciclette che è anche un caffè e una libreria insieme, insomma, un gran casino da spiegare, ma divertente da vivere.

Ecco, dicevo, ero in questa libreria-negozio di vinili-negozio di abbigliamento sportivo e ho trovato questa meraviglia.

fonte: Exloregram.com

Avete mai visto il film di Wes Anderson?
A me era piaciuto tantissimo, avevo apprezzato le atmosfere, i colori, gli attori, i costumi, tutto!
Qualche mese prima di vederlo ero anche stata a Görlitz, cittadina tedesca tagliata in due dal confine tedesco-polacco, nella quale sono state girate tante scene del film.

L'hotel non esiste veramente e la sua facciata è stata ricreata al computer, ma gli interni sono quelli del Görlitzer Warenhaus, storico centro commerciale costruito nel 1913.

Quando sono stata io era chiuso da diverso tempo, abbiamo potuto solo sbirciare attraverso le vecchie porte di vetro impolverate e vedere le famose scale del film e gli ambienti che Wes Anderson (con l'aiuto della tecnologia) ha saputo riportare agli antichi fasti.

Foto del 1986 (il centro è stato aperto fino al 2009), fonte Wikipedia.de

Mi era stato detto che prima o poi sarebbero stati fatti dei lavori e il centro commerciale avrebbe riaperto, da allora però non sono più andata e non ho avuto altre notizie (edit: leggo su Wikipedia che la riapertura è slittata all'autunno del 2017).

Ma torniamo al libro: l'ho sfogliato un po' e ricrea veramente tutte le atmosfere del film, ci sono foto dei dietro le quinte, interviste al regista e agli attori, davvero tante chicche.
Se il film vi è piaciuto direi che non potete lasciarvelo scappare.

quarta di copertina (da qui in poi fonte: Amazon.de)






Come potete vedere è davvero un gioiellino e non ha potuto fare altro che entrare di diritto nella mia wishlist, sperando che non ci rimanga tanto a lungo! ^_^



Se vi va fatemi sapere qual è il libro che è nella vostra wishlist e non vedete l'ora di leggere! :)





mercoledì 30 marzo 2016
Peek a booK!. Powered by Blogger.

Join my new 2016 "Women Challenge"! :)

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

In lettura

Follow by Email

Lettori fissi

Scrivimi!

Nome

Email *

Messaggio *

- Copyright © Peek-a-booK! -Metrominimalist- Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -