PEEK-A-SIGN! Gennaio 2017

Benvenuti al post riepilogativo mensile della rubrica "Peek-a-Sign!".
Se non la conoscete ancora correte a questo link a leggere di cosa si tratta :)

In questo post troverete tutte le insegne che ho pubblicato su Facebook, Twitter e Instagram durante il mese appena trascorso.

Il numero delle foto varierà di mese in mese, non c'è niente di fisso, dipende da quante nuove librerie incontrerò sulla mia strada :)

Ecco a voi le insegne di gennaio tutte in una volta allora! :)


Un Peek-a-Sign in trasferta, direttamente da Praga.



Deliziosa libreria vicino a casa (piena di libri di Elena Ferrante).



Neve e tanti gradi sotto zero in gennaio a Berlino, qui in una tipica (gelata) atmosfera serale.



E per gennaio è tutto!
Ci vediamo sui social per le foto di febbraio, altrimenti ci ritroviamo qui i primi di marzo per il post riepilogativo di tutte le foto che avrò pubblicato su Facebook, Twitter e Instagram il mese precedente.

A presto! :)
lunedì 20 febbraio 2017

PEEK-A-SIGN! Dicembre 2016

Benvenuti al settimo post riepilogativo mensile della rubrica "Peek-a-Sign!".
Se non la conoscete ancora correte a questo link a leggere di cosa si tratta :)

In questo post troverete tutte le insegne che ho pubblicato su Facebook, Twitter e Instagram durante il mese appena trascorso.

Il numero delle foto varierà di mese in mese, non c'è niente di fisso, dipende da quante nuove librerie incontrerò sulla mia strada :)

Ecco a voi le insegne di dicembre tutte in una volta allora! :)


Insegna di una libreria nel quartiere di Pankow, a Berlino.



Praticamente di fronte alla libreria "Buch Disko" si trova questa, che ha la particolarità di vendere solo audiolibri :)



E per dicembre è tutto!
Ci vediamo sui social per le foto di gennaio, altrimenti ci ritroviamo qui i primi di febbraio per il post riepilogativo di tutte le foto che avrò pubblicato su Facebook, Twitter e Instagram il mese precedente.

A presto! :)
mercoledì 11 gennaio 2017

STACKING THE SHELVES (Gen.10)


"Stacking the Shelves" è un meme settimanale creato dal blog "Tynga's Reviews", che dà ai blogger l'opportunità di mostrare i loro "ultimi arrivi", siano questi cartacei, e-books, libri acquistati, avuti in regalo ecc. Mi sembra un meme molto carino, spero che possa piacere anche a voi :)

************************************************************************************************************************************

Come vi avevo raccontato nelle puntate precedenti di questa rubrica (qui e qui) sto pian piano acquistando i miei classici preferiti anche nelle loro edizioni in lingua originale.
Questa settimana infatti, fra i nuovi arrivi, ci sono due classici, uno in lingua originale e l'altro no.



Quello in lingua originale è, ovviamente, "The Catcher in the Rye", di cui ho letto proprio recentemente la versione in italiano. E' uno di quei libri classici che non sono mai sicura se mi sia stato fatto leggere a scuola oppure o no, così l'ho riletto, anzi, letto, visto che mi sono accorta di non averlo mai fatto prima. Mega colpa, in quanto è un libro da non perdere assolutamente, ma non devo certo dirvelo io, la sua fama parla da sola.
Holden è fastidiosamente adorabile (fastidiosamente perché, a volte, l'avrei preso per le spalle e gli avrei dato una bella scrollata) e il rapporto con la sorella è qualcosa che raramente ho trovato descritto così bene in un libro.

L'altro classico in lingua, ma non originale, è "The night before Christmas" di Nikolaj Gogol'.
Per ovvie ragioni non l'ho preso in lingua originale perché non so il russo (purtroppo); in italiano non lo trovavo in così poco tempo (volevo leggerlo per Natale) e così ho dovuto ripiegare sull'inglese. Non mi è poi nemmeno tanto dispiaciuto, visto che l'ho trovato in questa edizione deliziosa della Penguin.
Di Gogol' ho letto da poco la raccolta "I racconti di Pietroburgo", che mi era piaciuta veramente tanto; a fine lettura, cercando informazioni sui suoi racconti, ho scoperto che aveva scritto anche questa novella a tema natalizio, che mi sembrava adattissima da leggere, viste le imminenti feste. Alla fine ho letto altro ("Canti di Natale" di Dickens), ma visto che ogni anno a dicembre faccio una lettura a tema, so già cosa leggerò il prossimo Natale :)

"Big Magic" di Elizabeth Gilbert non c'entra un bel niente con gli altri due, come potete ben notare, se non che è stato acquistato nello stesso momento. Non conosco l'autrice, non ho ancora letto il suo più famoso "Mangia, prega, ama", ma "Big Magic" l'avevo trovato consigliato da più parti e, sinceramente, di sproni ad essere più positiva e vivere con spirito lieve ne ho sempre bisogno (il libro parla di questo), quindi mi sono fatta quello che spero sia un buon regalo per il mio animo in continuo tormento. Ah, l'ho preso in lingua per un mero motivo economico, costa meno della metà dell'edizione italiana ;)



Voi avete acquistato/preso in prestito/siete entrati in possesso di qualche libro quest'ultima settimana?
Fatemi sapere! :)


Alla prossima settimana!

La lista del venerdì #122



Benvenuti al nuovo appuntamento con "La lista del venerdì"!
Per maggiori informazioni sull'idea di questa lista leggete pure qua :)
**********************************************************************************************************************
* Il classico post annuale sulle agende di Laura di Yunikon Design.
Se ancora non l'avete comprata, come ogni anno ci sono un sacco di spunti interessanti!
Io per il 2017 ho tantissime agende: quella del telefono (ho un applicazione carinissima), che è quella che uso veramente, e ben due cartacee. Una è quella di Mr.Wonderful che è presente anche nel post di Laura e l'altra è quella della rivista Flow (la potete vedere qui).
La prima è una sorpresa-regalo di un'amica dolcissima, che me l'ha spedita qui a Berlino; tornata a casa tardi da una lunga giornata di lavoro, è stato bellissimo trovarla nella buchetta delle lettere. Quella di Flow la volevo anche l'anno scorso, ma era esaurita. Quest'anno l'ho ordinata appena è uscita e ne sono strafelice, è davvero ben fatta. In realtà le agende cartacee le uso più come quaderni e/o blocchi di appunti per i pensieri e mi durano ben più di un anno, quindi non sono mai troppe ^_^



* Folded Pages Distillery è un account Instagram che, attraverso gli oggetti più riconducibili a un libro, ne ricrea la trama. Più complicato da spiegare che da guardare, date un'occhiata direttamente, alcuni abbinamenti li trovo perfetti.


* Tutti i libri preferiti nel 2016 dai collaboratori di Minima & Moralia, in ben 8 puntate. Preparatevi ad allungare pericolosamente la vostra wish list :)


* Il sito americano "Literary Hub" elenca 10 scrittrici italiane che vorrebbe veder tradotte in inglese. Di solito siamo noi che abbiamo il problema inverso, è stato molto interessante leggere questo articolo.



E ora, come sempre, vi lascio con qualche bella foto trovata in Internet :)
Alla prossima settimana!

Acid lakes at the Dallol Volcano in Danakil Desert, Ethiopia


Wind Palace, Jaipur - India


Barranco de los Arcos, Tenerife (Photo by Jaime Rodríguez Martín)

County Cork - Ireland

venerdì 6 gennaio 2017

2017 WOMEN CHALLENGE


(l'articolo in italiano è subito qui sotto!)

[ENG]
Welcome to the fifth edition of the “Women Challenge”!

This challenge will make us want to read more books of any kind written by women, so choose whatever you like and get involved!
Set your level and, if you like, leave me a comment on this post listing your three favourite women writers, in order to suggest new names to other participants as well.

Here are mine (they are just the first ones coming to my mind):

* Grace Paley
* Dorothy Parker
* Elizabeth Gaskell

Rules:

* anyone can join;
* you don't need a blog to partecipate: if you are a non-blogger please leave a comment with a link (if you review elsewhere) to your review or with the list of the books you read and the level you choose;
* audio, e-books, bound books and re-reads are ok;
* create a sign up post on your blog - if you want - and post the link here in the comments, so I will know that you're in;
* challenge goes from January 1, 2017 to December 31, 2017;
* please, write all the links to your reviews here in the comments.

Levels:

Level 1: BABY GIRL - read 5 books written by a woman author
Level 2: GIRLS POWER - read 6 to 15 books written by a woman author
Level 3: SUPER GIRL - read 16 to 20 books written by a woman author
Level 4: WONDER WOMAN - read 20+ books written by a woman author


It's never too late to join!

Have fun and good luck! :)



[ITA]
Benvenuti alla quinta edizione della "Women Challenge"!

La sfida ci invoglierà a leggere più libri scritti da donne, di qualsiasi genere siano, scegliete pure quello che preferite e partecipate!

Decidete il vostro livello e, se vi va, lasciatemi un commento a questo articolo elencando le vostre 3 autrici preferite, in modo da suggerire nuovi nomi anche agli altri partecipanti. 

Ecco le mie (sono le prime che mi vengono in mente):

* Grace Paley
* Dorothy Parker
* Elizabeth Gaskell

Regole:

* chiunque può partecipare;
* non è necessario avere un blog per partecipare. Se non hai un blog lasciami cortesemente un commento con un link (se le pubblichi da qualche parte) alle tue recensioni o con la lista dei libri che leggerai man mano e il livello che hai scelto;
* è permessa la lettura di audiolibri, e-books, libri "normali" e riletture;
* per i blogger: se vuoi crea un post di iscrizione (tipo questo che ho scritto io) e posta il link nei commenti, così saprò della tua partecipazione;
* la sfida durerà dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2017.
* lasciate i link alle vostre recensioni direttamente qui nei commenti.



Livelli:

Livello 1: BABY GIRL - leggi 5 libri scritti da un'autrice donna
Livello 2: GIRLS POWER - leggi da 6 a 15 libri scritti da un'autrice donna
Livello 3: SUPER GIRL - leggi da 16 a 20 libri scritti da un'autrice donna
Livello 4: WONDER WOMAN - leggi più di 20 libri scritti da un'autrice donna


Non è mai troppo tardi per partecipare!

Buon divertimento ed in bocca al lupo! :)



My readings/Le mie letture:

1) 
2)
3)
4)
5)
6) 
7) 
8) 
9) 
10) 
11) 
12) 
13) 
14) 
15) 
16) 
17) 
18) 
19) 
20) 
21)

TIRIAMO LE SOMME ed. 2016

fonte: unsplash.com

Le liste mi piacciono, lo sapete (ma esiste qualcuno a cui non piacciano?!) e quando c'è da stilarne una non mi tiro mai indietro.
Questa non è una vera e propria lista, ma più un "tirare le somme" dell'anno di lettura appena conclusosi, una cosa che l'anno scorso ho fatto per la prima volta e ho tenuto per me, ma che quest'anno ho deciso di riportare anche qui sul blog.

Mi è piaciuto vedere le differenze da un anno all'altro, soffermarmi a capire il perché di certe scelte fatte l'anno prima e non quest'anno, insomma, spero possa interessare anche voi! :D
Magari leggere i miei numeri vi farà venire voglia di controllare anche i vostri ma, ve lo dico, dovete essere precisini come me durante l'anno, che mi segno tutto riguardo ogni libro letto, se no dopo 365 giorni non sapete più dove mettere le meni... se non nei capelli dalla disperazione :D

E' un po' come una comparazione di bilancio, vediamo cosa avevamo l'anno scorso, paragoniamolo ai risultati di quest'anno e... si vede subito che lavoro faccio per 8 ore al giorno, di sicuro - purtroppo - non la bibliotecaria :D

Insomma, bando alle ciance, ecco i miei numeri del 2016 completi di commenti!


Libri letti nel 2015: 70
Libri letti nel 2016: 52
Si vede che il 1 gennaio 2016 sono partita dall'Italia e mi sono trasferita a Berlino? Si vede che è stato un anno un attimo impegnativo? Direi di sì, ce lo dicono bene questi 18 libri in meno letti.

Libri letti per la mia Women Challenge 2015: 28
Libri letti per la mia Women Challenge 2016: 23
Vedi sopra.

Libri cartacei letti, che avevo già in casa, nel 2015: 17
Libri cartacei letti, che avevo già in casa, nel 2016: 15
Qui poca differenza, dai.

Libri presi in prestito dalla biblioteca nel 2015: 18
Libri presi in prestito dalla biblioteca nel 2016: 0
Grossa differenza. E mi piange il cuore. Qui a Berlino le biblioteche hanno libri italiani, ma o sono libri che ho già, o è roba che non prenderei mai in prestito. Peccato.

E-book letti nel 2015: 34
E-book letti nel 2016: 35
Primo segno positivo! Per le ore che passo in metropolitana preferisco decisamente che a tenermi compagnia sia il Kindle e c'è da segnalare che i primi due mesi qui a Berlino tutti i miei libri cartacei erano ancora in Italia, quindi non avevo altra soluzione oltre all'e-reader.

Classici letti nel 2015: 6
Classici letti nel 2016: 4
Allora, una premessa: per "classici" intendo libri editi fino al 1899 compreso. Posso fare meglio, considerato che sono il mio genere preferito, ma non riesco comunque a leggerne troppi in un anno, sono libri "importanti", che mi piace leggere con molta attenzione e cura, ma non possono essere la maggior parte delle mie letture annuali.

Raccolte di racconti lette nel 2015: 14
Raccolte di racconti lette nel 2016: 6
Qui molto male, considerato che le raccolte di racconti ultimamente sono una delle mie letture preferite. Buon proposito per il 2017: volermi bene e leggerne di più.

Podio case editrici di cui ho letto più libri nel 2015: Einaudi (9), Adelphi (6), Feltrinelli (5)
Podio case editrici di cui ho letto più libri nel 2016: Einaudi (6), Adelphi (5), Mondadori (4)
Poche novità nei primi posti, quello che mi fa contenta sono le tante new-entry nelle posizioni inferiori, un po' grazie a piccoli-medi editori che si sono fidati di me, un po' perché ho scelto anche libri "di nicchia". Evviva le nuove scoperte :)

Podio nazionalità autori più letti nel 2015: Italia (16), USA (15), Inghilterra (10)
Podio nazionalità autori più letti nel 2016: Italia (18), USA (13), Inghilterra (8)
Podio invariato, cambiano appena i numeri. Non si può certo dire che io faccia parte di quei blogger che non leggono mai un libro italiano :D
Giuro che non lo faccio apposta, se mi chiedeste qual è la mia letteratura preferita probabilmente non vi risponderei mai di primo acchito "quella italiana", ma i numeri di due anni su due questo dicono. Ecco perché mi piace tirare le somme a fine anno, per queste sorprese :)
Nelle posizioni inferiori da segnalare un deciso numero negativo per la Francia, con un -7 rispetto al 2015. Non mi sembra ci sia un vero motivo, ma su questa cosa voglio fermarmi un attimo a ragionare.


E con questo è tutto!
Spero vi abbia un po' interessato questo viaggio nelle mie letture un po' più tecnico rispetto al solo titolo/voto che avevate potuto leggere nel classico post di fine anno (cliccate qui se ve lo siete perso).

Voi tenete nota di tutti questi particolari? Avete un cosiddetto "reading journal", o leggete senza preoccuparvi di annotare nulla?
Fatemi sapere le vostre abitudini se vi va :)





LE MIE LETTURE NEL 2016



Come sempre vi lascio l'elenco dei libri letti durante l'anno in ordine di gradimento (qui trovate i libri letti nel 2015, qui quelli letti nel 2014 e qui quelli nel 2013).
Vi ricordo che la sufficienza piena è 3 stellette.
Per ovvia mancanza di tempo non sono riuscita a parlare di ogni singolo libro sul blog, ma se avete curiosità, volete sapere perché un libro mi è piaciuto o meno lasciatemi pure le vostre domande nei commenti, sarò felice di rispondervi.
Fatemi sapere se ci sono libri che avete letto anche voi, libri che vorreste leggere o se non siete d'accordo con qualche mia opinione :)
Un buon 2017 pieno di ottime letture a tutti!

5 stelle su 5 

* Carlo Rovelli "Sette brevi lezioni di fisica"
* Thomas Mann "I Buddenbrook"
* Heinrich Böll "E non disse nemmeno una parola"

4.5 stelle su 5

* Emmanuel Carrère "L'avversario"
* Stefan Zweig "Paura"
* Dario Pontuale "Ho visto il film"
* Charlotte Brontë "Ma la vita è una battaglia"
* George Orwell "1984"

4 stelle su 5

* Fleur Jaeggy "I beati anni del castigo"
* Amelie Nothomb "Stupore e tremori"
* Ian McEwan "Chesil Beach"
* Jay McInerney "Le mille luci di New York"
* Elizabeth Strout "Olive Kitteridge"
* James M.Cain "La morte paga doppio"
* Vasco Pratolini "Cronache di poveri amanti"
* Mara Barbuni "Elizabeth Gaskell e la casa vittoriana"
* Christa Wolf "Nessun luogo. Da nessuna parte"
* Francis Scott Fitzgerald "Il grande Gatsby"
* Nikolaj Gogol "Racconti di Pietroburgo"
* J.D. Salinger "Il giovane Holden"

3.5 stelle su 5

* Dorothy Parker "Dal diario di una signora di New York"
* Arrigo Boito "Il pugno chiuso"
* Alessio Cuffaro "La distrazione di dio"
* Davide Piacenza "Empire State of Fiction"
* Maria Rosaria Ambrogio "Un patto tra voci femminili Artemisia di Anna Banti"
* Vanda Finocchi "Ridere è cosa seria Tre uomini in barca (per tacer del cane) di Jerome K. Jerome"
* Giuliana Tedeschi "Memoria di donne e bambini nei lager nazisti"
* Francesca Blesio e Giorgia Olivieri "Grand Tour Bologna"
* Grace Paley "Fedeltà"
* Zadie Smith "Perché scrivere"
* L. Littizzetto e F. Valeri "L'educazione delle fanciulle"
* Christa Wolf "Che cosa resta"
* Banana Yoshimoto "Il coperchio del mare"
* Vito Ferro "La vita va avanti"
* Francis Scott Fitzgerald "Gli anni della crisi"
* Charles Dickens "Canti di Natale"

3 stelle su 5

* Tommaso Pincio "Panorama"
* Thomas Bernhard "Sì"
* Luigi di Fonzo "Andrea Pazienza - Il mio nome è Pentothal"
* Isabella Santacroce "Lovers"
* Patrick McGrath "Trauma"
* Paul Auster "Uomo nel buio"
* Joyce Carol Oates "Zombie"

2.5 stelle su 5

* Camila Raznovich "Lo rifarei!"

2 stelle su 5

* Niccolò Ammaniti "Anna"
* Marguerite Yourcenar "Fuochi"
* Lauren Groff "Arcadia"
* Paula Hawkins "La ragazza del treno"

1.5 stelle su 5

* Paul Watzlawick "Istruzioni per rendersi infelici"
* Jonathan Coe "Questa notte mi ha aperto gli occhi"

1 stella su 5

* Chuck Palahniuk "Invisible Monsters"
* Jennifer Egan "Scatola nera"


lunedì 2 gennaio 2017

PEEK-A-SIGN! Novembre 2016

Benvenuti al sesto post riepilogativo mensile della rubrica "Peek-a-Sign!".
Se non la conoscete ancora correte a questo link a leggere di cosa si tratta :)

In questo post troverete tutte le insegne che ho pubblicato su Facebook, Twitter e Instagram durante il mese appena trascorso.

Il numero delle foto varierà di mese in mese, non c'è niente di fisso, dipende da quante nuove librerie incontrerò sulla mia strada :)

Questo mese infatti l'insegna pubblicata è una sola, ho avuto davvero pochissimo tempo, purtroppo, per andare in giro e fare ciò che più mi piace. Mi rifarò i prossimi mesi! :)

Questa è una libreria che c'è a Berlino nel quartiere di Schöneberg e che così splendente nella luce invernale era un vero faro nel buio :)



E per novembre è tutto! Questo mese è stato davvero un post solo ad uso e consumo di chi non mi segue sui social, avendo pubblicato una sola foto. So che siete in diversi a non essere iscritti a nessun social e a leggermi solo qui; vi prometto che nel 2017 farò il possibile per tornare ad essere più attiva sul blog ed essere vicina anche a voi :)

Ci vediamo sui social per le foto di dicembre, altrimenti ci ritroviamo qui i primi di gennaio per il post riepilogativo di tutte le foto che avrò pubblicato su Facebook, Twitter e Instagram il mese precedente.

A presto! :)
lunedì 12 dicembre 2016

PEEK-A-SIGN! Ottobre 2016

Benvenuti al quinto post riepilogativo mensile della rubrica "Peek-a-Sign!".
Se non la conoscete ancora correte a questo link a leggere di cosa si tratta :)

In questo post troverete tutte le insegne che ho pubblicato su Facebook, Twitter e Instagram durante il mese appena trascorso.

Il numero delle foto varierà di mese in mese, non c'è niente di fisso, dipende da quante nuove librerie incontrerò sulla mia strada :)

Ecco a voi le insegne di ottobre tutte in una volta allora! :)


Insegna di una vecchia (ed ex) libreria di Görlitz, la città più a Est della Germania, in cui sono state girate tante scene dello splendido "Grand Budapest Hotel" di Wes Anderson. Ve ne avevo già parlato qui :)



Passeggiando passeggiando per il quartiere di Kreuzberg.



Vicina a casa e mai vista prima, brillava così tanto quando ci sono passata davanti, che non ho potuto fare a meno di entrare (e quando mai non entro in una libreria? :D ). Me ne sono innamorata.



Sempre Kreuzberg. Consiglio: mai camminare a testa bassa quando si è a Berlino :)


E per ottobre è tutto!
Ci vediamo sui social per le foto di novembre, altrimenti ci ritroviamo qui i primi di dicembre per il post riepilogativo di tutte le foto che avrò pubblicato su Facebook, Twitter e Instagram il mese precedente.

A presto! :)
lunedì 7 novembre 2016

STACKING THE SHELVES (Ott.25)


"Stacking the Shelves" è un meme settimanale creato dal blog "Tynga's Reviews", che dà ai blogger l'opportunità di mostrare i loro "ultimi arrivi", siano questi cartacei, e-books, libri acquistati, avuti in regalo ecc. Mi sembra un meme molto carino, spero che possa piacere anche a voi :)

************************************************************************************************************************************

La mia nuova piccola collezione di classici in lingua originale (di cui vi avevo parlato qui) si allarga, ecco i due nuovi arrivati:


Alice va a fare compagnia all'edizione Penguin classica che vi avevo già presentato, mentre la bella versione di "Orgoglio e Pregiudizio" di zia Jane è usata ma tenuta benissimo e l'ho trovata da un venditore americano online :)

Mi piacciono tantissimo entrambe le edizioni, non sono mai stata una lettrice che si fa attrarre dalle copertine, ma quando i libri sono già dei capolavori, una copertina ben fatta li rende ancora più piacevoli ^_^

Non so dove mi porterà questa collezione che ho iniziato, ma vi terrò aggiornati :D

Voi avete acquistato/preso in prestito/siete entrati in possesso di qualche libro quest'ultima settimana?
Fatemi sapere! :)


Alla prossima settimana!

FIERA DEL LIBRO DI FRANCOFORTE


Sono stata per la prima volta alla "Frankfurter Buchmesse", la mitica fiera del libro di Francoforte, come dice Wikipedia "la più prestigiosa fiera del libro europea".


Non vi nascondo che le aspettative erano alte, era da una vita che volevo andarci, penso che ogni appassionato di libri sogni di poterla visitare una volta o l'altra.
Ne ho approfittato anche per fare un bel giro della città, che è 500km da Berlino, quindi non proprio dietro l'angolo.

La mia giornata in fiera è iniziata in modo tragicomico. Dentro è enorme, i padiglioni non sono tanti, ma sono tutti su più piani e ci sono scale mobili ovunque.
Non so come, appena entrata sono finita direttamente nella zona più piccola e intasata della fiera: quella dedicata al mondo del Cosplay. Ero quindi circondata da ragazzi e ragazze molto giovani, travestiti e truccati da personaggi manga, dei cartoni animati, da personaggi letterari o cinematografici nei modi più incredibili.
Parrucche colorate, trucchi fantasiosi, orecchie a punta, lenti a contatto di qualsiasi colore, vestiti curati nei minimi particolari (ho scoperto poi che dentro la fiera si tenevano le finali del campionato tedesco di Cosplay). Ero finita nel paradiso del Cosplayer, c'erano stand che vendevano qualsiasi cosa loro potessero desiderare e ognuno di questi era preso d'assalto.
I ragazzi erano tantissimi e io mi sentivo davvero un pesce fuor d'acqua: oltre a essere totalmente lontana da questo mondo, ero l'unica persona in quella sala a non essere travestita :D




Non riuscivo ad uscire da questo posto per me surreale. Poi. Poi ho visto una scala mobile, una possibile via d'uscita, ho cercato di farmi largo fra i personaggi più strani e ci sono arrivata ma un'addetta alla sicurezza mi ha bloccato, non potevo passare.
Allora, presa dallo scoramento le ho detto: "la prego, dov'è la fiera del libro, DOVE SONO I LIBRI???"
Lei si è messa a ridere capendo il mio stato d'animo, e mi ha indicato una porta blu, che mi avrebbe portato alla tanto agognata fiera. La mia visita poteva finalmente avere inizio ^_^

Ho iniziato dai padiglioni che ospitavano le case editrici internazionali, erano rappresentati davvero tantissimi stati diversi. Come al Salone di Torino c'è sempre un paese ospite (quest'anno erano le Fiandre e i Paesi Bassi), ma ci sono comunque anche gli stand di (quasi) qualsiasi altro Paese straniero.
Non immaginatevi niente di faraonico, gli stand erano molto sobri, la gente era poca, c'erano soprattutto operatori di settore e le conversazioni che ho sentito erano tutte di tipo professionale.

Gli stand che ho preferito erano quello coloratissimo della Russia e quello elegante della Georgia.


Questo era lo stand più fantasioso

Lo stand dell'Italia era fra i più grandi e particolari.

Particolare della decorazione dello stand italiano: d'effetto, ma quei poveri libri "pinzati" mi facevano un po' pena.

Lo stand più piccolo della fiera, giusto lo spazio di un divano, ma era delizioso. C'era scritto che, in caso di loro assenza, ci si poteva comunque sedere e scattarsi foto (c'era anche l'hashtag da usare per i vari social)

La parte della fiera dedicata alle case editrici tedesche era quella più presa d'assalto.
Fiumi di persone in fila per qualsiasi cosa: guardare show cooking sperando di essere fra i fortunati che si aggiudicano qualcosa da mangiare, farsi firmare una copia da Cecelia Ahern (avete presente "P.S. I love you"? Ecco.), ammirare da vicino quell'attore tedesco famoso ospite allo stand di Sky Arte ecc.

Con mio grande sgomento ho appreso piano piano una cosa: nessuno vendeva libri.

Me ne ero già accorta nei padiglioni delle case editrici internazionali, ma qui ne ho avuto la conferma. Praticamente ogni stand aveva il cartello "No sale", o "kein Verkauf". Ma come???

Tornata a casa ho scoperto sul sito della Fiera che i libri si potevano vendere solo la domenica (io ero andata il giorno prima) e allo stesso prezzo a cui sono venduti nei negozi.
Tenendo conto che: i libri non si potevano comprare, le case editrici erano sempre impegnate in colloqui professionali, chi non lo era aveva magari delle hostess allo stand e non dei rappresentati della casa editrice, e poi ok, io avevo l'accredito come blogger, ma perché un appassionato dovrebbe spendere 19,00 € per venire a questa fiera? Come ha detto una mia amica che c'era stata l'anno scorso e che ho sentito non appena tornata a Berlino: "Più che una fiera del libro sembra una fiera dell'editoria".

Ma, ci sono dei ma. Io sono felice di esserci stata, è sicuramente un'esperienza da fare, un luogo da vivere, io non avevo tanto tempo, quindi non ho partecipato a nessun incontro, ma ce n'erano tanti e molto interessanti e tutti quei libri, beh, sì, sono sempre un bel vedere.


In sintesi: bella, grandiosa, imponente, un po' come i grattacieli di Francoforte, ma io preferisco le fiere più ridotte, dove sentirmi consigliare un libro direttamente dall'editore e poterlo comprare lì, dalle sue mani. Ma con le fiere del libro tedesche non ho finito, vi aggiorno presto, ne ho altre in agenda da visitare a breve :)


p.s. se volete vedere con i vostri occhi com'è la fiera di Francoforte, guardate questo video :)
lunedì 24 ottobre 2016

PEEK-A-SIGN! Settembre 2016

Benvenuti al quarto post riepilogativo mensile della rubrica "Peek-a-Sign!".
Se non la conoscete ancora correte a questo link a leggere di cosa si tratta :)

In questo post troverete tutte le insegne che ho pubblicato su Facebook, Twitter e Instagram durante il mese appena trascorso.

Il numero delle foto varierà di mese in mese, non c'è niente di fisso, dipende da quante nuove librerie incontrerò sulla mia strada :)

Ecco a voi le insegne di settembre tutte in una volta allora! :)


Una delle tante librerie inglesi a Berlino, immancabili.



Il bello di incontrare librerie per caso passeggiando. Il quartiere di Prenzlauer Berg è una continua scoperta per gli appassionati di libri :)



A Berlino è pieno di giardini "segreti", gli "Höfe", interni non visibili dalla strada, dove spesso si trovano negozi, caffè e, come in questo caso, librerie. Questa l'ho trovata nel quartiere di Mitte.



Andare dall'estetista e trovare accanto una libreria dell'usato di quelle che ti fanno viaggiare nel tempo. Sacro e profano :D



E per settembre è tutto!
Ci vediamo sui social per le foto di ottobre, altrimenti ci ritroviamo qui i primi di novembre per il post riepilogativo di tutte le foto che avrò pubblicato su Facebook, Twitter e Instagram il mese precedente.

A presto! :)
lunedì 10 ottobre 2016
Peek a booK!. Powered by Blogger.

Join my new 2017 "Women Challenge"! :)

Cerca nel blog

In lettura

Follow by Email

Lettori fissi

Scrivimi!

Nome

Email *

Messaggio *

- Copyright © Peek-a-booK! -Metrominimalist- Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -